Home

Visit Rome following 8 XVIIIth century itineraries XVIIIth century Rome in the 10 Books of Giuseppe Vasi - Le Magnificenze di Roma Antica e Moderna The Grand View of Rome by G. Vasi The Environs of Rome: Frascati, Tivoli, Albano and other small towns near Rome A 1781 map of Rome by G. Vasi An 1852 map of Rome by P. Letarouilly Rome seen by a 1905 armchair traveller in the paintings by Alberto Pisa The 14 historical districts of Rome An abridged history of Rome How to spend a peaceful day in Rome Baroque sculptors and their works The coats of arms of the popes in the monuments of Rome Pages on a specific pope Pages complementing the itineraries and the views by Giuseppe Vasi Walks in the Roman countryside and in other towns of Latium following Ferdinand Gregorovius A Directory of links to the Churches of Rome A Directory of links to the Palaces and Villas of Rome A Directory of links to the Other Monuments of Rome A Directory of Baroque Architects with links to their works A Directory of links to Monuments of Ancient Rome A Directory of links to Monuments of Medieval Rome A Directory of links to Monuments of Renaissance A Directory of links to Monuments of the Late Renaissance A list of the most noteworthy Roman Families Directories of fountains, obelisks, museums, etc. Books and guides used for developing this web site An illustrated Glossary of Art Terms Venice and the Levant Roman recollections in Florence A list of Italian towns shown in this web site Venetian Fortresses in Greece Vienna seen by an Italian XVIIIth century traveller A list of foreign towns shown in this web site
What's New!

Detailed Sitemap

All images © by Roberto Piperno, owner of the domain. Write to romapip@quipo.it. Text edited by Rosamie Moore.

Map of Modon Modon (Methoni)        

Date più importanti:
1125 I Veneziani occupano Modon.
1500 Il Sultano Bayazet II invade il Peloponneso e costringe i Veneziani ad abbandonare Modon.
1686 I Veneziani guidati da Francesco Morosini riconquistano Modon.
1714 La guarnigione veneziana si arrende agli Ottomani.

Le rotte marittime del passato seguivano a breve distanza la linea di costa. Ciò rese Modon, un piccolo porto all'estremità della più occidentale penisola del Peloponneso, uno scalo di grande importanza nella rotta tra il Mar Ionio e l'Egeo e più in generale nei collegamenti tra l'Italia e il Levante. Per questo motivo Modon e la vicina fortezza di Corone erano chiamati gli "occhi di Venezia".

Bastione Loredan
Accesso alla fortezza da terra dopo gli accrescimenti veneziani del primo Settecento (il ponte in muratura è una aggiunta dell'Ottocento)

Modon svolgeva in particolare un ruolo importante nel dare assistenza e vettovagliamento alle navi che portavano i pellegrini in Terrasanta. Questi si imbarcavano a Venezia su convogli che si susseguivano con cadenza regolare tra giugno e settembre per utilizzare i prevalenti venti occidentali.
Dal 1227 il Senato regolamentò l'attività: le navi non potevano eccedere il numero di pellegrini autorizzato, il capitano era tenuto a sbarcare i pellegrini nello scalo da essi richiesto e non poteva effettuare commercio di mercanzie a meno che questo non fosse stato pattuito esplicitamente nel contratto. Il viaggio durava circa sette settimane: le navi costeggiavano l'Istria e la Dalmazia e poi le Isole Ionie: si fermavano a Modone e da qui proseguivano per Cerigo (Kythira), Candia (Crete), Rodi, Cipro, e infine Jaffa in Palestina. Dopo aver visitato i luoghi santi i pellegrini si recavano al monastero di S. Caterina sul Monte Sinai e da lì in Egitto dove si imbarcavano ad Alessandria per far ritorno a Venezia.

Land entrance
(a sinistra) Ingresso di Terra; (centro) decorazione settecentesca; (a destra) mura medievali dietro all'ingresso

Felice Fabri, un monaco domenicano che si recò in Terrasanta nel 1483 ha lasciato scritto di Modon (traduzione libera dal testo originale):
" Il 15 di giugno, festa dei SS. Vito e Modesto, all'alba giungemmo in vista di Modon: gli schiavi dovettero penare sui remi tutto il giorno perchè il vento non era favorevole: infine a sera entrammo nel porto." Subito scendemmo nelle scialuppe e giungemmo in città dove trovammo i pellegrini che erano partiti con Mastro Agoostino. Io condussi quelli del mio gruppo a sentir messa dai Frati Predicatori: il priore e gli altri confratelli si ricordavano di me perchè già vi ero stato nel mio pellegrinaggio del 1481. Dopo la messa andammo al forno gestito da un tedesco che prepara le gallette per le navi: lì cenammo. Altri pellegrini andarono per cena dai Cavalieri Teutonici. Dopo cena salimmo sulle mura e ne facemmo il giro ammirando quelle imprendibili fortificazioni. Modon non è su una isola ma, su di una penisola del continente che appartiene per la maggior parte agli Ottomani. Ci unimmo ai pellegrini di Mastro Agostino e facemmo una sola allegra brigata, anche se ciò dispiacque ai due capitani i quali, avendo litigato ed essendo rivali, pensavano che anche noi fossimo punti dallo stesso veleno e non ci volessimo vedere. E invece mangiammo e bevemmo assieme tutto il giorno, lieti di esserci incontrati a metà del viaggio, perchè si dice che Modon sia a metà strada tra Venezia e Gerusalemme; al suono del corno dei rispettivi capitani facemmo ritorno sulle galee: Mastro Agostino partì subito, noi il dì seguente."

Inner castle
Mura interne della parte più antica della fortezza ed ingresso principale

Un altro pellegrino, Pietro Casola, viaggiò nel 1494. Il suo racconto contiene delle osservazioni assai interessanti:
"E tuti se lamentaveno de uno extremo caldo, excepto li Tedeschi e certe altre natione, quale disse predicando el venerabile domino fra' Francesco, che mangiaveno e bevevano da la matina fin a la sera e poi andaveno a dormire senza cena. Quisti tali non sentivano el caldo; nui altri el sentivamo purtropo..
Tandem Deo dante, gionsemo a Modono a le XX ore e tuti smontoromo a grande fùria, non aspectando fosse gitata l'ancora, tanta era la voglia de andare a terra, benché in vero mon se li trovasse poi troppo concio de alogiamenti per peregrini, comenzando al Venerabile Patre chi usciti de galea, andando al convento de Santo Francesco; et io el sequitai, cedendo de megliorare conditione, ma li fu de fare asai. A pena trovassemo de l'ova; io fece la cugina al meglio sapeva, per refìciare el Patte Predicatore; a me ogni cosa era bono. ...
Dicta cita è in piano; bate el mare le mure et ha un porto recipiente de ogni grande navilio; è forte de ftìuse e con ponti levatori ad ogni porta, che sono al mio contare quattro. È ben fornita de torre e sono a le torre et a kiroure de grande bombarde e de ogni grosseza. Verso terra ferma è fortissima; e tutavia si fa più forte adiungendoli la Signoria una grande fossa e dopia, murata de grosse mure; e sera una cosa stupenda e ben posta, quando sera fornita. Ha uno borgo asai grande e pur murato. A me pare che in dicto borgo sia el più forte de li lavorerii de seda, o vero cfa'el sii perché lì habitano de molti Iudei, homini e temette, che lavorano de seda."

Sapiendza
La parte più antica della fortezza e l'intera fortezza vista dalla sua estremità settentrionale; sullo sfondo l'isola di Sapienza.

Il borgo menzionato da Pietro Casola è la vasta area tra le fortificazioni medievali e il mare: le mura medievali consistevano di una semplice cortina intervallata da torri quadrate.

Winged lions
Leoni di S. Marco sui bastioni Loredan (a sinistra) e Bembo (a destra): iscrizione e stemmi sul bastione Bembo

Nel 1460 i Veneziani costruirono nuove mura in grado di resistere all'artiglieria ottomana e un grande bastione quadrilatero chiamato Bembo dal nome del provveditore del tempo. Vennero anche costruite mura attorno al borgo fino al mare: tra le vecchie mura e il borgo sorgeva una grande piazza del mercato.

Granite Column
Piazza del mercato: colonna di granito sulla quale era posto un Leone di S. Marco; bassorilievi con leoni.

I Veneziani misero una statua raffigurante il Leone di S. Marco su di una bella colonna di granito trovata in un relitto a Cerigo: secondo l'iscrizione vi fu posta nel 1493; altri simboli della Serenissima che una volta erano su edifici pubblici sono stati murati dagli Ottomani sulle mura medievali.

Sea Gate
Castel da Mar

I Veneziani costruirono sul mare una possente torre (Castel da Mar) per difendersi da un attacco della flotta ottomana: subito fuori ne costruirono un'altra più piccola su di uno scoglio: questa è oggi chiamata colla parola turca Bourtzi. Entrambe le torri furono modificate e rafforzate durante la dominazione ottomana ed una pietra con lo stemma dei Foscolo finì murata sullo stipite della porta del Castel da Mar. Durante la seconda occupazione veneziana (1686-1714) un nuovo ampio bastione (Bastione Loredan) fu aggiunto sul lato orientale della fortezza: una iscrizione del 1714 ne celebra il completamento: non servì a molto perchè pochi mesi dopo la guarnigione si arrese senza combattere.

Turkish fortress
(a sinistra) Torre ottomana (Bourtzi); modifica cinquecentesca di una precedente torre veneziana; (a destra) stemma Foscolo

Estratto da Memorie Istoriografiche del Regno della Morea Riacquistato dall'armi della Sereniss. Repubblica di Venezia stampato a Venezia nel 1692:

Modone

Entro ai limiti di Belvedere, ch'è quell'amena, e fertile Provincia nel Peloponneso estesa, la dove era l'antica Messenia, tra l'altre Città numerasi sotto l'Arcivescovato di Patrasso l'Episcopale, e celebre Emporio, da Sosiano MODONE, da Turchi MUTUNE, e da Plinio chiamata in memoria di Methena Figliola d'Eoner METONE, non lungi da Corone, che dieci miglia, da Napoli di Romania cento venti, e settantadue da Capo Matapan, il di cui sito favorito di circonstanze forti dalla natura, e dall'arte, attrovasi sopra un Promontorio, ch'avanzato nel Mare di Sapienza, fronteggia colle coste dell'Africa con sicuro, e commodo Porto a piedi, dove risiede il Sangiaco della Morea, Ministro di stima appresso la Monarchia Ottomana.
Nel corso di secoli soggiacque agl'insulti di chi volea avanzarsi a soggiogar colla Provincia il Regno; onde antemurale riguardevole al medemo, come ben spesso combattuta, e vinta, così più volte costretta a sostenere con suoi tributi di varie nationi il comando.
Ottennero il possesso di questa per i Spartani i popoli di Napoli, che per sometterla al freno, introdussero nella piazza una Colonia. Indi a poco ambitiosi gl'Illirici d'ingrandimento, creatisi per dominante un Rè, posta in piedi poderosa armata scorsero le vicine campagne, arrivando a Modone, finsero da quelle genti, come amiche, volere procacciarsi le vettovaglie; ma poco cauti i Cittadini, dando fede alle loro bugie, corser'a gara a portarli le provisioni chi di pane, chi di vino, ed'altro, quando sul più bello usciti quasi tutti gl'habitatori dalla Fortezza, gl'Illirici con la Spada alla mano assalendo ogni sesso, molti n'uccisero, e molti fecero schiavi, restando la Città saccheggiata e distrutta. L'imperatore Traiano teneramente amando il misero avanzo di quei traditi, generosamente li diede privilegi, e franchiggie, colle quali aristocraticamente si governarono sin'al tempo di Constantino, che da Roma passò a Constantinopoli con la sua fede, à cui restando soggeti, non lasciarono il solito modo di vivere come capi riverendo solo gl'Imperatori.
Nel 1124 la combattè, e vinse il Doge Domenico Michele, che per la terza volta da Terra santa facea ritorno, trionfante per li gloriosi acquisti di Tiro, ed Ascalona in Soria, Rodi, Scio, Samo, Lesbo e Andro nell'Arcipelago, à quali memorabili imprese vi si aggiunse la sconfitta data all'Armata infedele coll'espulsione di questa dall'assedio di Zaffo; e quantunque l'anno susseguente fosse rilasciata al greco Impero, nulladimeno nella divisione di questo, fatta l'anno 1204, ritornò alla Republica, alla quale nel 1208 fù rapita da Leone Vetrano di natione Ligurico, di professione Corsaro, che non molto la resse, poichè in breve fatto schiavo nell'Hellesponto, fù condotto a Corfù, e strozzato da mano Carnefice; riportò in trofeo delle sue ingiuste rapine il supplicio d'una morte infame; a causa della quale confusi, e dispersi li suoi, riuscì con poco sforzo al Dandolo, e Premarino racquistarla al natio Dominio. Ma Baiazette Secondo, che per accrescere il proprio Impero vegliava all'acquisto de più Paesi, nel 1498 munito d'un Corpo di cento cinquanta mille Combattenti, la strinse per espugnarla, e diroccando à precipitio col cannone le mura al Borgo, obligò i Capi, ad eseguire la consulta di ritirarsi colle spoglie entro la Città, nella quale pure sperimentorno mai sempre più violenti gl'impulsi dell'Inimico; dal che angustiat'i Veneti, havrebbero piegato alla resa, quando l'Armata della Republica staccatasi dal Zante non havesse affrettato il soccorerli; qual pervenuta a fronte de Turchi nulla prezzando i cimenti, venne alla zuffa, , che fra varij successi, diede addito ad'una Feluca di spingersi a ragguagliare a que' Popoli la costante risolutione di provederli com'anco riuscì; poichè dall'Armata Veneta quattro Galere col carico di munitioni: trapassando queste le squadre Ottomane, ad onta loro conseguirono a salvamento il Porto: successo felice sì: ma origine di lagrimevol disgratia, poichè abbandonati dal Presidio i posti per ricever festosi i sospirati soccorsi; i Turchi, che dall'altra parte applicavano alla vittoria, conosciuti absenti gl'ostacoli si valsero dell'ocasione, entrando furiosamente nella Piaza, dove con strage horrenda, diedero saggio della loro tirannide, sotto la qualefinì i giorni di sua vita Monsignore Andrea Falconi, che vestito in Pontificale, animava que Popoli a sostenere l'incursione di quegl'infidi.
Iddio ch'a tempo punisce, chi con sacrilega mano non isdegnò imporporarsi nel sangue de Pastori Ecclesiastici memore del scempio di questi barbari benche ritardata la vendetta sin quasi al spirar di tre secoli, volle poi finalmente ch'il braccio robusto de suoi più fidi la eseguisse; non tutto ciò in quella guisa, che ben doveasi perche nel cuor de fedeli scintillando la carità non può regnarvi, in uno l'ombre della Tiranide; Quest'anno 1686: ch'è quell'anno apunto in cui penuriano nella fertilità medesima le palme, mentre copiosi i campioni per coronarsi le tempia tendono a introlarle doppo esperimentato da Turchi per il continuo di 16 giorni il Veneto valore s'aresero in fine avedendosi che troppo ruvinoso era il loro eccidio quando congiuratogli dalla Regina dell'aque unita al fuoco; il Morosini già è il prode, che rinforzato da generosi guerieri abbate coll'aspetto aterra col guardo quei popoli, che se sano, pure non vogliono apprezzare gl'eserciti di Christo. Gli successi nel fatto sono varij, moltiplici s'anumerano le contingenze da chi ne diede in luce distinte notitie, s'adduce quivi solo come li 7 Luglio all'hore 22 esposero gl'assediati bandiera bianca, al che seguiti i capitoli della resa uscirono il terzo giorno con armi è bagaglio, consegnato già anticipatamente il Torione della Marina, perche così richiesti dal Generalissimo; al numero di 4000 erano gli habitanti trà quali mille habili alla Militia; l'imbarco l'hebbero per Barberia; nella Città e Fortezza vi sono rimasti 100 pezzi di Cannone di bronzo detratone nove.

Introductory page on the Venetian Fortresses

Map of the fortresses Corfu Butrinto Dodoni Ioanina Parga Paxi Preveza Nikopolis Vonizza Santamaura/Lefkada Asso Itaca Patrasso, Castel di Rumelia, Castel di Morea Lepanto Cefalonia Zante Navarino Calamata Castel Tornese and Glarenza Modon Corone Mistrà Malvasia Castelrosso Schiatto Scopello Alonisso Negroponte Oreo Corinto Egina Atene Hadrian's Athens Napoli di Romania/Nafplio Argo Cerigo/Kythira Tinos Micono Milo Nasso Candia/Creta Fortresses of Maina Lemno Stampalia Scio Schiro Andro Spezzia Imbro Tenedo Patmo Lero Calimno Metelino Metimno Cunda Candarli Fochies Cismes Argentiera Sifno Serifo Paris Antiparis Siro Rhodes Coo Castel S. Pietro Lindos Nissiros Symi Castelrosso (Kastelorizo) The Asklepeion of Kos Santorino Folegandros Afrodisias Ephesus Kale Sultanieh Kilitbahir Pergamum Sardis Seddulbahir Roman Smyrna Delphi default - Corfù
Clickable map: hover on the dots

On the Ionian Islands:     Corfù (Kerkyra)     Paxo (Paxi)     Santa Maura (Lefkadas)     Cefalonia (Kephallonia)     Asso (Assos)     Itaca (Ithaki)     Zante (Zachintos)     Cerigo (Kythera)
On the mainland: Butrinto (Butrint)     Parga     Preveza and Azio (Aktion)     Vonizza (Vonitsa)     Lepanto (Nafpaktos)     Atene (Athens)
On Morea:     Castel di Morea (Rio), Castel di Rumelia (Antirio) and Patrasso (Patra)     Castel Tornese (Hlemoutsi) and Glarenza     Navarino (Pilo) and Calamata     Modon (Methoni)     Corone (Koroni)     Braccio di Maina, Zarnata, Passavà and Chielefà     Mistrà     Corinto (Korinthos)     Argo (Argos)     Napoli di Romania (Nafplio)     Malvasia (Monemvassia)
On the Aegean Sea:     Negroponte (Chalki)     Castelrosso (Karistos)     Oreo     Lemno (Limnos)     Schiatto (Skiathos)     Scopello (Skopelos)     Alonisso     Schiro (Skyros)     Andro (Andros)     Tino (Tinos)     Micono (Mykonos)     Siro (Syros)     Egina (Aegina)     Spezzia (Spetse)     Paris (Paros)     Antiparis (Andiparos)     Nasso (Naxos)     Serifo (Serifos)     Sifno (Syphnos)     Milo (Milos)     Argentiera (Kimolos)     Santorino (Thira)     Folegandro (Folegandros)     Stampalia (Astipalea)     Candia (Kriti)
Genoese Bases:     Metelino (Mytilini)     Metimno (Molyvos)     Cunda (Alibey)     Fochies (Foca)     Candarli     Cismes (Cesme)     Scio (Chios)
Fortresses of the Knights of Rhodes:     Lero (Leros)     Calimno (Kalimnos)     Coo (Kos)     Castel S. Pietro (Bodrum)     Symi     Nissiros     Rhodes (Rodos)     Lindos     Castelrosso (Kastelorizo)     Other fortresses
Ottoman fortresses:     Imbro (Gokceada)     Tenedo (Bozcaada)     Seddulbahir     Kale Sultanieh (Canakkale)     Cilitbahir
Other locations shown in the map:     Patmos     Dodoni (Dodona)     Nikopolis     Hadrian's Athens     Pergamum     Roman Smyrna     Sardis (Sart)     Ephesus     Afrodisia     Delphi     Ioanina    Kos

You may refresh your knowledge of the history of Venice in the Levant by reading an abstract from the History of Venice by Thomas Salmon, published in 1754. The Italian text is accompanied by an English summary.