Sitemap
The coats of arms of the Popes Pages on a specific Pope An 1852 map of Rome by P. Letarouilly Filippo Juvarra's drawings of the finest coats of arms XVIIIth century Rome in the 10 Books of Giuseppe Vasi - Le Magnificenze di Roma Antica e Moderna Visit Rome in 8 days! A 1781 map of Rome by G. Vasi The Grand View of Rome by G. Vasi Pages on the Venetian Fortresses, the Walls of Constantinople and many other topics Visit the Roman countryside following the steps of Ferdinand Gregorovius My Guestbooks A detailed index of my websites

Map of Sifno Sifno (Syphnos)


Date fondamentali:
1204: l'impero Bizantino viene diviso tra i capi della Quarta Crociata dopo la conquista di Costantinopoli, ma le isole dell'Egeo cadono rapidamente direttamente o indirettamente nelle mani di Venezia: Sifno entrò a far parte del Ducato dell'Arcipelago fondato da Marco Sanudo a Nasso nel 1207. La signoria dei Duchi di Nasso fu intermittente e Sifno fu per lunghi periodi governata da avventurieri che si proclamavano signori dell'isola.
1537 l'isola viene occupata da corsari che agivano per conto del sultano e nel 1566 con la caduta del Ducato di Nasso entra anche formalmente a far parte dell'Impero Ottomano.

Il Tesoro di Sifno (un tempietto finemente decorato con splendidi bassorilievi) è uno dei capolavori dell'arte antica: esso fu donato dagli abitanti dell'isola all'oracolo di Apollo a Delfi, forse il più importante del mondo antico. Per comprendere come i Sifnioti potessero permettersi un così costoso regalo bisogna aver presente che benchè piccola Sifno era ricca a causa delle sue miniere d'oro e d'argento.

View of Sifno
Veduta di Sifno

L'antica Sifno (o Sifanto) sorgeva sulla costa orientale dell'isola in cima ad una collina isolata. Oggi è chiamata Kastro (castello/fortezza), perchè l'acropoli greca fu fortificata dai signori veneziani. Oggi non è più il capoluogo dell'isola che nel 1836 è stato spostato ad Apollonia, un villaggio al centro dell'isola.

Gates of Sifno
Accessi a Sifno

Le case stesse di Sifno, disposte in cerchi continui attorno alla cima della collina ne costituivano le mura: solo poche strette e basse aperture consentivano l'accesso alla cittadina.

Walls of Sifno
Mura antiche e medievali

Gli abitanti dell'antica Sifno erano così ricchi che poterono importare il bianco marmo di Paro per abbellire le mura esterne della loro acropoli. Durante la dominazione veneziane furono restaurate le antiche mura e costruite alcune torri.

View towards the sea
Veduta verso il mare e dal mare

La collina precipita sul mare con una scogliera così ripida che ben difficilmente Sifno poteva essere attaccata da quel lato, anche perchè sarebbe stato assai difficile sbarcare nell'unica piccola spiaggetta esistente nelle vicinanze.

Venetian buildings
Edifici veneziani; stemma dei Crispo

Gli edifici sulla cima della collina servivano da residenza ai signori di Sifno: essi mostrano ancora alcune caratteristiche costruttive veneziane e su uno di essi si trova ancora lo stemma dei Crispo, gli ultimi duchi di Nasso.

Churches
(a sinistra) Mitropolis (cattedrale) 1635; (a destra) Panagia Teoskepastis (1631);

Come nella maggior parte delle Cicladi la dominazione Ottomana si limitò alla riscossione di un tributo annuale: il potere rimase nelle mani delle famiglie di origine veneziana e la costruzione o l'ampiamento delle chiese non fu ostacolato.

Farming
Agricoltura

L'isola mostra ancora i segni del duro lavoro di generazioni di contadini per terrazzare il terreno e ridurre l'erosione eolica. I Veneziani introdussero l'allevamento dei piccioni: a Tino le piccionaie erano costituite da edifici separati che sono diventati caratteristici del paesaggio dell'isola: a Sifno invece erano collocate sotto il tetto (come le piccionaie dei teatri) come si vede nella bella casa colonica della foto.

Man's friends
Amici dell'uomo

L'asinello era troppo preso dal suo lavoro per guardare l'obiettivo, ma le due caprette si sono messe in posa di buon grado.