Sitemap
The coats of arms of the Popes Pages on a specific Pope An 1852 map of Rome by P. Letarouilly Filippo Juvarra's drawings of the finest coats of arms XVIIIth century Rome in the 10 Books of Giuseppe Vasi - Le Magnificenze di Roma Antica e Moderna Visit Rome in 8 days! A 1781 map of Rome by G. Vasi The Grand View of Rome by G. Vasi Pages on the Venetian Fortresses, the Walls of Constantinople and many other topics Visit the Roman countryside following the steps of Ferdinand Gregorovius My Guestbooks A detailed index of my websites

Map of Paros Paris (Paros)

Date fondamentali:
1204: l'impero Bizantino viene diviso tra i capi della Quarta Crociata dopo la conquista di Costantinopoli, ma le isole dell'Egeo cadono rapidamente direttamente o indirettamente nelle mani di Venezia: Paris entrò a far parte del Ducato dell'Arcipelago fondato da Marco Sanudo a Nasso nel 1207.
1566: Gli Ottomani si fanno cedere l'isola da Jacopo IV Crispo ultimo Duca di Nasso
1645-69: Durante la Guerra di Candia i Veneziani controllarono per lunghi periodi le Cicladi inclusa Paris

Paris, come i Veneziani chiamavano Paros, è la seconda più grande isola delle Cicladi. Nell'antichità era nota per il suo candido marmo (marmo pario) che fu utilizzata per molte famose statue ed in Roma per il Tempio di Castore e Polluce nel Foro Romano.
Due larghe baie sulla costa occidentale (Paris) e settentrionale (Naoussa) offrivano un buon riparo ed un facile approdo.

Paris

View of Paro
Veduta della parte più antica di Paris

Il grande sviluppo turistico degli ultimi anni rende difficoltoso individuare immediatamente la piccola elevazione del terreno sulla quale sorgeva la cittadella veneziana, che ha perso l'aspetto fortificato di un tempo e che oggi è individuabile per la calotta celeste della chiesetta costruita nel suo punto più alto.

Fortified town
La cittadella e la torre marmorea

Dal lato del mare la cittadella era protetta da uno scoscendimento del terreno (oggi meno evidente per la strada costruita sulla antica linea di costa), mentre dal lato terra la difesa era assicurata da una alta torre marmorea costruita con colonne e architravi di antichi templi.

Gates
Porte di accesso alla cittadella

Sebbene qualche modifica sia stata apportata all'abitato, esso consente ancora di osservare come le case fossero disposte a cerchi concentrici con solo tre o quattro accessi alla parte più interna.

Architecture
Architettura cicladica

La cittadina di Paros e gli altri villaggi dell'isola conservano i più begli aspetti della cosidetta architettura cicladica, che in tempi recenti si è diffusa in tutte le isole greche, incluse quelle che avevano una tradizione architettonica affatto diversa.

Main church
Chiesa sull'alto della cittadella e memorie del periodo ottomano

Le Cicladi godettero di una ampia autonomia durante la dominazione ottomana e la sola evidenza di quel periodo è data dall'uso di piastrelle provenienti da Nicea o da bassorilievi con minime variazioni di spessore rispetto al fondo (in Italiano: rilievo stiacciato) che sono tipici dell'arte ottomana.

Basilica
Panagia Ekatondapiliani ed un tipico capitello Bizantino

Non furono i Veneziani a buttar giù gli antichi templi per fortificare la cittadella, perchè a questo aveva già provveduto nel VI secolo l'Imperatore Giustiniano. Egli era determinato a sradicare il paganesimo che ancora sopravviveva in alcune parti dell'impero. L'isola è situata a poche miglia da Delo dove sorgeva uno dei più famosi oracoli dell'antichità: i suoi templi, anche se abbandonati ed in parte già caduti, costituivano comunque una memoria di tempi più felici: essi divennero le cave dalle quali vennero attinti i materiali per la costruzione di un insieme di edifici religiosi (chiese, cappelle, battisteri) assai complesso che per tale motivo è noto come Chiesa dalle Cento Porte.

Basilica
Dettagli del matroneo e della vasca battesimale

La Chiesa dalle Cento Porte conserva alcune interessanti aspetti delle prime chiese quali l'esistenza di un matroneo risevato alle donne ed ai bambini e la vasca utilizzata per il battesimo per immersione; caratteristiche entrambe derivate dalle sinagoghe.

Naoussa

Naoussa
Naoussa

La baia di Naoussa è contornata da molte spiagge che hanno determinato un così alto afflusso turistico e la costruzione di così tante seconde case da aver completamente alterato quello che era un sonnolento villaggio di pescatori.
I duchi di Nasso costruirono una torre a difesa del porto; successivamente, dopo che i Veneziani si erano impadroniti facilmente dell'isola durante la Guerra di Candia, gli Ottomani vi costruirono attorno un piccolo bastione per mettervi una batteria di cannoni.

Detail of the tower XVIIth century coat of arms
La batteria di cannoni ottomana e uno stemma veneziano del 1662

La baia di Naoussa è collocata in posizione ottimale per raggiungere rapidamente le altre isole dell'arcipelago e questo spiega perchè i Veneziani la utilizzassero come base per la flotta. In un edificio andato distrutto era murato uno stemma che è ora stato apposto su un moderno ponticello al centro della cittadina.

In giro per l'isola

Agios Antonios
Il monastero di Agios Antonios costruito sulle rovine di una fortificazione dei Duchi di Nasso

Una terza fortificazione i Duchi di Nasso la costruirono su di una alta collina sulla costa orientale dirimpetto a Nasso. Sulle sue rovine sorge oggi un piccolo monastero.

Agriculture
L'agricoltura era una importante fonte di reddito per l'isola

Paris al pari di Nasso ed a differenza di molte altre isole delle Cicladi possiede numerose aree interne che non hanno subito processi di erosione eolica che permettono la coltivazione di cereali che un tempo venivano macinati nei tipici mulini a vento.




Go to my Home Page on Baroque Rome or to my Home Page on Rome in the footsteps of an XVIIIth century traveller.