Home

Visit Rome following 8 XVIIIth century itineraries XVIIIth century Rome in the 10 Books of Giuseppe Vasi - Le Magnificenze di Roma Antica e Moderna The Grand View of Rome by G. Vasi The Environs of Rome: Frascati, Tivoli, Albano and other small towns near Rome A 1781 map of Rome by G. Vasi An 1852 map of Rome by P. Letarouilly Rome seen by a 1905 armchair traveller in the paintings by Alberto Pisa The 14 historical districts of Rome An abridged history of Rome How to spend a peaceful day in Rome Baroque sculptors and their works The coats of arms of the popes in the monuments of Rome Pages on a specific pope Pages complementing the itineraries and the views by Giuseppe Vasi Walks in the Roman countryside and in other towns of Latium following Ferdinand Gregorovius A Directory of links to the Churches of Rome A Directory of links to the Palaces and Villas of Rome A Directory of links to the Other Monuments of Rome A Directory of Baroque Architects with links to their works A Directory of links to Monuments of Ancient Rome A Directory of links to Monuments of Medieval Rome A Directory of links to Monuments of Renaissance A Directory of links to Monuments of the Late Renaissance A list of the most noteworthy Roman Families Directories of fountains, obelisks, museums, etc. Books and guides used for developing this web site An illustrated Glossary of Art Terms Venice and the Levant Roman recollections in Florence A list of Italian towns shown in this web site Venetian Fortresses in Greece Vienna seen by an Italian XVIIIth century traveller A list of foreign towns shown in this web site
What's New!

Detailed Sitemap

All images © by Roberto Piperno, owner of the domain. Write to romapip@quipo.it. Text edited by Rosamie Moore.

Cunda (Alibey)/Aivali

I Gattilusio, signori genovesi di Metelino, avevano anche una base commerciale (quasi) sul continente asiatico dato che controllavano l'isoletta di Cunda (Alibey) che è posta vicinissima al continente (oggi un ponte la collega ad esso).

View of Cunda
Veduta di Cunda

Cunda aveva una popolazione quasi completamente greca fino al 1923 quando fu effettuato uno scambio di popolazioni tra Grecia e Turchia; vi furono trasferiti i Musulmani di Creta; la cittadina conserva chiaramente una impronta greca.

Ruined churches
Chiese abbandonate

Una breve passeggiata nell'abitato rivela l'esistenza di numerose chiese in stato di abbandono.

Wind mills
Mulini a vento

Sulla cima della collina vi sono alcune costruzioni circolari che sicuramente servivano da mulini a vento, ma che forse in una epoca anteriore avevano anche uno scopo militare.

View towards the mainland
Veduta verso il continente

L'isolotto di Cunda chiude una ben riparata baia: sul continente sorge una città (Aivali/Ayvalik) che si è sviluppata nella seconda metà dell'Ottocento.

Olive oil
Attrezzature tradizionali utilizzate nella spremitura delle olive e un avviso pubblicitario odierno

Cunda è ancora oggi nota per i suoi oliveti ed il suo olio, sebbene oggi la sua risorsa principale sia il turismo.

An old villa in Cunda and a church turned into a mosque in Ayvalik
(a sinistra) una villa greca a Cunda; (a destra) una chiesa trasformata in moschea; il Derviscio Danzante è una aggiunta moderna diretta a dare un carattere più turco alla cittadina

Ad Ayvalik è in vendita una T-shirt raffigurante un minareto ed un campanile con la sovrascritta Ayvalik, crocevia di civiltà. Fa piacere vedere questo segno di pace; forse la vista di tante case e luoghi di culto abbandonati per anni sia in Turchia che in Grecia ha portato le nuove generazioni a rifiutare l'odio che nel passato ha sconvolto la vita di tanta gente comune.

Ruined mosques in Mitilini
Moschee in rovina a Metelino